CON GLI OCCHI DELL’ASINO Stage residenziale a cura di Teatro19

Sabato 22 e domenica 23 ottobre 2022 (due intere giornate e un pernottamento a Carvanno – sopra Vobarno – BS)

Un’esperienza teatrale a partire da Platero y yo del premio Nobel per la letteratura Juan Ramon Jiménez

Iscrizioni entro sabato 8 ottobre 2022

Lo stage verrà confermato al raggiungimento di minimo 7 iscritti

Lo spostamento a Carvanno verrà effettuato con mezzi propri, ma nell’imminenza dello stage ci si accorderà con tutti i partecipanti per cercare di limitare il numero delle vetture con le quali effettuare il viaggio di andata e ritorno. Le spese per il carburante verranno equamente suddivise)

Si dormirà in camerate con letti a castello

La struttura è una sede scout ed è quindi piuttosto spartana

Se si hanno intolleranze alimentari o particolari esigenze lo si dovrà segnalare al momento dell’iscrizione.

Ogni partecipante dovrà portare con sé la biancheria per il letto (o un sacco a pelo), gli asciugamani e il necessario per l’igiene personale

Agli iscritti si affideranno preliminarmente piccoli compiti in preparazione dello stage (brevi memorizzazioni)

Si consiglia caldamente la lettura dell’intero testo

Per informazioni e iscrizioni: info@teatro19.com – 327 7596755 (telefonare dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 oppure inviare sms o messaggio whatsapp)

 

“Platero, che di certo capisce, mi guarda fisso con i suoi occhioni brillanti, d’una blanda durezza, dove il sole brilla, piccolino e scintillante in un breve e convesso firmamento nero!”

Così scrive nel 1914 il premio Nobel per la letteratura Juan Ramon Jiménez nell’incipit di Platero y yo, il  “piccolo libro dove l’allegria e la tristezza son gemelle”, dedicato non tanto ai bambini quanto all’età doro che il poeta non vorrebbe mai più abbandonare.

Platero y yo è la storia di un’amicizia fra un poeta e un asino, Paltero y yo è un dipinto in cui si succedono giorni e stagioni, è un microcosmo filtrato da occhi asinini. Attorno e a partire da “questo libro per bambini” si sviluppa la ricerca di Teatro19 che per il 2023 ha intenzione di produrre un nuovo spettacolo. Partecipare a questo stage residenziale significa dedicarsi due giorni di immersione teatrale in un luogo sereno e accogliente, significa entrare a far parte di un processo di creazione artistica incentrato sullo sguardo, il risveglio dell’attenzione, l’osservazione, la gestione dell’imprevisto.

Si lavorerà, meteo permettendo, all’aperto, nei dintorni della struttura ospitante e all’interno della struttura stessa.

 

Illustrazione di Juan Bernabeu per l’edizione illustrata – Elsedizioni