LA COMPAGNIA DEI RAGAZZI dai 14 ai 20 anni

a cura di Valeria Battaini, Francesca Mainetti, Roberta Moneta

Un nuovo corso che si avvia, un laboratorio in stretta relazione con il luogo in cui si svolge e che da esso trarrà nutrimento per la composizione drammaturgica e la messa in scena. Un percorso incentrato sull’attorialità e il significato dello stare in scena.

QUANDO: Giovedì (da febbraio anche il sabato) dalle 16:00 alle 18:00.

DOVE: Mi.C.S. via Milano Case Del Sole via Milano 105/107

CONTRIBUTO: 20€ al mese + 23€ tessera associativa (ARCI tessera volontario)

Nella stagione 2017/18 ha preso il via un progetto formativo dedicato a ragazze e ragazzi dai 14 ai 20 anni che ha portato alla realizzazione dello spettacolo “LA STANZA NUMERO 2” andato in scena a Brescia contestualmente alla rassegna BARFLY – IL TEATRO FUORI LUOGO 2018. Durante la stagione 2018/19 il gruppo si è consolidato, acquistato maggiore autonomia e generato lo spettacolo “DEJA VU” anch’esso andato in scena all’interno della rassegna BARFLY – IL TEATRO FUORI LUOGO 2019. La stagione 2019/20, pur funestata dalla pandemia e dal conseguente lockdown che ci ha imposto di proseguire gli incontri solo virtualmente la Compagnia è riuscita a produrre un testo e a mettere in scena uno spettacolo: IL SEMICIRCOLO DEI VEGETALI ANONIMI di cui esiste anche una versione podcast, un dietro le quinte del percorso fatto con amore e fatica (potete ascoltarlo qui: https://www.spreaker.com/show/il-semicircolo-dei-vegetali-anonimi ) Ora parte un nuovo ciclo!

 

Se volete altre informazioni o desiderate segnalare la vostra presenza potete farlo scrivendo ad info@teatro19.com o chimando il 335 8007161

 

LA COMPAGNIA DEI RAGAZZI

Gruppo teatrale giovanile particolarmente orientato al teatro sociale d’arte e di impegno civile. Progetto in partenariato con UnitàOperativaPsichiatrica n.23 Spedali Civili di Brescia, con il patrocinio del Comune di Brescia. L’avvio del progetto è stato possibile grazie alla vincita del Bando Cultura 2017 di Fondazione della Comunità Bresciana. Obiettivo del progetto è creare i presupposti per una compagnia professionale costituita da giovanissimi, che integri al suo interno giovani seguiti dai servizi di salute mentale e giovani migranti in attesa di permesso di soggiorno, da connettere a esperienze analoghe a livello nazionale.

Il progetto nasce dalla rilevazione di un insieme di bisogni che riguardano al contempo il rischio di esclusione sociale di giovani fragili e la carenza di occasioni di formazione teatrale qualificata per i giovani in generale, che li metta in condizione di essere autori di cultura oltre che fruitori:

  • la maggior parte delle occasioni di formazione teatrale sono corsi privati a pagamento, molti ragazzi che non hanno la possibilità di pagare restano esclusi da opportunità creative di alto livello
  • Gli adolescenti sono al contempo in un’età particolarmente sensibile all’insorgere di difficoltà o disturbi psicologici e nello stesso tempo spesso intimoriti se non addirittura ostili a chi mostra aspetti di diversità psichica
  • Molti adolescenti in situazione di fragilità (psicologica o psichica, fisica, minorenni richiedenti asilo politico, ecc..) vengono indirizzati ad attività teatrali per la loro valenza socializzante, ma spesso questo avviene all’interno di strutture e servizi che di queste fragilità si occupano, conservando quindi un distacco di questi adolescenti “fragili” dalla comunità giovanile del territorio, senza sfruttare così a pieno le potenzialità di scambio e socializzazione che l’attività teatrale possiede
  • La formazione teatrale disponibile ai giovani in città riguarda in genere le tecniche attoriali, non c’è l’opportunità di confrontarsi con lo studio di altri aspetti della creazione teatrale quali la regia e la drammaturgia

E’ stata quindi effettuata una selezione attraverso call aperta a tutto il territorio di 22 ragazzi tra i 14 e i 20 anni, particolarmente interessati alla forma d’arte del teatro sociale.

La call è stata effettuata mediante:

– sessioni informative svolte presso strutture che si occupano di fragilità giovanile ad opera di una piccola equipe formata da un esperto teatrale, un operatore della salute mentale e un utente esperto in attività teatrale

– cartolina informativa con distribuzione mirata (scuole medie superiori, scuole di teatro, oratori, cag)

– comunicazione web (pagina facebook di Teatro19 e collettivo Extra-Ordinario, newsletter mailing list di Teatro19)

– comunicazione mediante conferenza stampa e diffusione sulla stampa locale

Si è costituito un gruppo integrato di 22 ragazzi, alcuni provenienti da comunità psichiatriche protette, altri dall’Asilo Notturno San Riccardo Pampuri di Brescia che si occupa di migranti minorenni richiedenti asilo politico, altri sono ragazzi delle scuole superiori di Brescia e provincia. Da Novembre 2017 hanno cominciato a frequentare il laboratorio gratuitamente (con una autotassazione minima al fine di un maggior investimento psicologico sul progetto) nella sede di Teatro19.

Si tratta di un laboratorio di alta formazione, condotto da professionisti del settore di rilevanza nazionale.

Il laboratorio porrà le basi per la creazione di una compagnia teatrale giovanile di valore artistico e produttivo, che con il tempo diventi indipendente, in grado di lavorare su drammaturgie originali, e di mettere in scena lavori con regia collettiva o che individuino fra coetanei la figura registica.

La formazione tenderà in modo particolare al teatro sociale d’arte e di inclusione sociale, anche attraverso il contatto artistico con gli attori-utenti della compagnia Laboratorio Metamorfosi e la partecipazione attiva del gruppo Compagnia dei Ragazzi alle iniziative del Festival. Verranno messe in atto metodologie che svolgano un’azione volta da un lato alla prevenzione e dall’altro al cambiamento del punto di vista rispetto alla salute mentale e alla fragilità propria e altrui.

Si darà alla compagnia l’occasione di confrontarsi con un pubblico sia di coetanei che di adulti.

Saranno individuate occasioni di scambio con servizi per l’adolescenza del territorio, in cui la compagnia dei ragazzi presenterà lo stadio dei lavori e, insieme ai tutor, organizzerà lezioni aperte fra pari.

L’intento è inoltre quello di porre le basi per una attività di formazione pratica e artistica specifica dedicata al teatro sociale d’arte

fronte-cartolina-compagnia-ragazzi