metamorfosi-scrittaIl carattere di questa quinta edizione del festival è quello di costruire una mappa psicogeografica, non solo relativa agli effetti che la geografia urbana procura in chi la abita e la attraversa, ma con un’ottica trasformativa, di Recovery della città, in cui l’azione teatrale a sua volta plasmi e trasformi, in un modo misterioso e invisibile ma reale, gli spazi umani/urbani. La cifra generale è l’attraversamento, la penetrazione, il mettersi a contatto con il sociale e vivere il teatro della follia e la follia del teatro, dentro la città, fuori dall’edificio teatrale.

Lo sguardo mette a fuoco in particolare i vuoti, gli spazi fragili come le persone fragili, i modi fuori dagli schemi di vivere gli spazi, di vivere la vita, di fare teatro, una critica all’abitudine, al dare per scontato una normalità della città, della vita e dell’arte, vissuta come obbligatoria; sottolinea la possibilità di cambiamento, di invenzione, di infrangere gli schemi, a partire non dagli artisti in modo autoreferenziale ma da un teatro sociale d’arte che si connette, intreccia e dà voce alla diversità del teatro, di tutti noi, della città e delle sue ferite.

Quest’anno a Metamorfosi si cammina parecchio, spettacoli e azioni si sviluppano geograficamente in diverse parti della città, disegnando, insieme alle sale teatrali interessate dal festival, la mappa; un disegno che mette in relazione gli spazi “alti” della cultura (Santa Giulia, Tempio Capitolino, Teatro Sociale), quelli del teatro e dell’arte contemporanea (Mo.Ca e Teatro Idra), la periferia multietnica ed ex industriale (Via Milano), la periferia residenziale dormitorio e l’edilizia popolare (San Polo). Una mappa che segna percorsi alternativi, che vuole valorizzare i vuoti le fragilità, l’inconscio della città e attivare altri modi di vedere il conosciuto: riattiva il rito nel tempio, porta al Sociale un artista fuori dagli schemi, conosciuto a livello nazionale ma mai stato prima a Brescia, accompagna gli spettatori in un piccolo percorso nella Torre Cimabue, esito di una residenza di due mesi di Teatro19 in quel luogo.

La sofferenza psichica è parente dei vuoti, delle “amnesie della città”. Il teatro è l’arte dell’esserci, “essere nel mondo insieme ad altri uomini”come dice Gadamer per definire la salute, agire nel tempo e nel luogo; è un rito che ridona vita al sogno. Bisogna stare in guardia dai cattivi sogni, dalla “società dello spettacolo”. Possiamo ricominciare a sognare collettivamente, e il teatro può essere il rito simbolico, agito e popolare che rende attivi i sogni nella trasformazione di noi stessi e della città.

Il Festival è la parte pubblica del PROGETTO METAMORFOSI. E’ ideato e realizzato da Teatro19 con UOP23 degli Spedali Civili di Brescia e Animali Celesti Teatro d’Arte Civile. E’ parte del progetto RECOVERY.NET finanziato da Fondazione Cariplo con il bando Welfare in Action 2018. Ha il sostegno del Centro Teatrale Bresciano e di Fondazione Asm, il patrocinio del Comune di Brescia, è realizzato con la collaborazione di Spazio Teatro Idra, Fondazione Brescia Musei, Fondazione Brescia Solidale. E’ parte delle azioni del Collettivo Extra-Ordinario.

Teatro, cinema, incontri, workshop.

Metamorfosi Festival propone una nuova visione della salute mentale: prendersi cura di sé anche attraverso l’arte e indagare come l’arte vede la malattia o il disagio mentale. L’idea di mescolare pubblici diversi ha spinto a mischiare esiti di laboratori fatti con gli utenti dei servizi, a spettacoli professionali di rilevanza nazionale.

 

CALENDARIO edizione 2019

sabato 23 marzo

ore 19.30 Il Minotauro – azione teatrale di strada Museo di Santa Giulia, Viridarium

lunedì 25 marzo

ore 17.00 e 19.00 D.IO o D.ell’inferno quotidiano torre Cimabue

martedì 26 marzo

ore 17.00 e 19.00 D.IO o D.ell’inferno quotidiano torre Cimabue

ore 21 Film (titolo in via di definizione) Nuovo Eden

mercoledì 27 marzo

ore 18.00 lettura Mo.Ca

ore 19.00 Serendippo Live Mo.Ca

ore 21.00 L’Ombra Di Joenes Mo.Ca

giovedì 28 marzo

ore 19.30 lettura Mo.Ca

ore 21.00 Lucignolo Mo.Ca

venerdì 29 marzo

ore 9.30 – 13.00 Tavolo di lavoro Casa delle Associazioni

ore 15.00 e 18.30 D.IO o D.ell’inferno quotidiano torre Cimabue

ore 21.00 Non Ho Niente Da Dire Mo.Ca

ore 22.15 presentazione disco Mo.Ca

sabato 30 marzo

ore 9.30 – 13.00 Tavolo di lavoro via Milano

ore 15.00 Interferenze – esperienze e territori Mo.Ca

ore 18.30 Incontro con B.Barzini Mo.Ca

ore 21.00 It’s App To You Mo.Ca

ore 22.00 lettura Mo.Ca

domenica 31 marzo

ore 16.30 Incontro con A.Rezza Teatro Sociale

ore 20.30 Anelante Teatro Sociale

martedì 2 – giovedì 4 aprile

ore 10.30-12.30 e 14.00-16.00 Workshop R.S.A. Arici Sega

 

METAMORFOSI FESTIVAL è un progetto ideato da Teatro19 con l’Unità Operativa di Psichiatria n.23 degli Spedali Civili di Brescia e realizzato con ANIMALI CELESTI – Teatro d’arte civile http://www.animalicelestiteatrodartecivile.it/it/home .

E’ un progetto realizzato da Teatro19 nell’ambito del collettivo ExtraOrdinario

Dal 2019 è parte di:recovery-banner-001La quinta edizione sarà inoltre possibile grazie a: Fondazione ASM , Centro Teatrale Bresciano. Con il patrocinio del Comune di Brescia. In collaborazione con: I.Dra, Mo.Ca, Fondazione Brescia Musei, Fondzione Brescia Solidale Onlus.

ASCOLATA E GUARDA QUELLO CHE DICEVAMO SULL’EDIZIONE 2018


SCOPRI QUALI SONO GLI OBBIETTIVI DEL FESTIVAL

SCOPRI LE PROFESSIONALITà COINVOLTE IN METAMORFOSI FESTIVAL

LEGGI TUTTO QUELLO CHE C’è DA SAPERE SUL PROGETTO METAMORFOSI


PREMI, BANDI e RICONOSCIMENTI

Il 22 giugno 2017  Teatro19 ha ricevuto la “Medaglia al merito Enzo Giacomini del Lions Club Brescia Host” per il Porgetto Metamorfosi.19441725_1889422721325228_7000200426754360866_o

 

Tetaro19, per “METAMORFOSI FESTIVAL- scena mentale in trasformzazione 3° edizione” (con 59 punti) è risultato essere primo in graduatoria nell’assegnazione del bando della Regione Lombardia concernente iniziative di valorizzazione delle identità culturali locali. Questa la comunicazione ufficiale: Si comunica che la proposta progettuale in oggetto,  presentata ai sensi del  d.d.g. n. 6334 del 30/5/2017 “Avviso Unico 2017 relativo a interventi per attività culturali”,  è stata ritenuta meritevole di cofinanziamento per l’importo di € 5.000

Sempre per il medesimo bando, ma per l’edizione successiva, Regione Lombardia assegna a “METAMORFOSI FESTIVAL- scena mentale in trasformzazione 4° edizione”  € 4.000

logo-anno-della-cultura-colori

 

Teatro19 per “METAMORFOSI FESTIVAL – Scena mentale in trasformazione” ha vinto il bando “Brescia Città del Noi” della Fondazione della Comunità Bresciana Onlus. Questa la comunicazione ufficiale: Sono lieto di informarVi che gli Organi della Fondazione della Comunità Bresciana Onlus e del Comune di Brescia hanno deliberato a Vostro favore un contributo di Euro 14.000,00 per la realizzazione del progetto da Voi presentato a valere sul bando congiunto Brescia Città del Noi 2017.

2-fondazione-della-comunita-bresciana-onlus-315x157index

 

Per il triennio 2018 -2021 il progetto godrà dell’appoggio della compagnia ANIMALI CELESTI di Pisa alla gestione economico organizzativa, primo passo di quella che nel triennio vuole diventare una rete sovraregionale in sinergia anche con ACCADEMIA ARTE DELLA DIVERSITA’ di Bolzano.

ac-t19

logo FONDAZIONE COMUNITA? BRESCIANA blulogo FONDAZIONE COMUNITA? BRESCIANA blu

logo FONDAZIONE COMUNITA? BRESCIANA blu